sabato 27 novembre 2021

Review Party: 'La bugia di mezzanotte' di Marie Rutkoski

Buongiorno lettori, buon sabato! Oggi ho finito un libro che mi ha conquistato e di cui vi parlo subito! Rappresenta il ritorno di un'autrice che amo, Marie Rutokski, già conosciuta per The Winner's Curse.




Nel mondo in cui vive Nirrim il crimine dilaga, nonostante la durezza con cui viene punito, e i piaceri non esistono. O meglio, sono riservati all'Alta Stirpe. Per le persone di basso rango, gli abitanti del Rione, come Nirrim, la vita è solo cupezza e castigo, è vietato anche soltanto assaggiare dolci o indossare abiti colorati. Due sono le scelte possibili: seguire le regole oppure pagare pegno e sopportare le conseguenze. E così Nirrim ha imparato presto a tenere la testa china, e a nascondere il pericoloso segreto che custodisce. Fino al giorno in cui non incontra Sid, che giunge da lontano, le racconta che l'Alta Stirpe possiede una magia, e la sprona a conquistare quello stesso potere per sé. Ma per farlo, Nirrim deve abbandonare la sua vecchia vita e riporre tutta la sua fiducia in una persona sconosciuta che sembra chiedere, più di tutto, di non darle fiducia. Un fantasy epico e romantico assieme che ci mostra come liberarci dalle bugie che ci raccontano gli altri, e da quelle che raccontiamo a noi stessi.

La Rutkoski scrive divinamente, lo fa con sentimento e passione, aspetti che trapelano dai sui personaggi su carta.

Nel mondo di Nirrim, la nostra protagonista, i Mezza Stirpe come lei sono tenuti a vivere secondo regole fisse e molto rigide: non possono indossare colori luminosi nè usare stoffe delicate come il cotone e la seta, non possono amare chi vogliono perchè il Concilio vuole che si sposino e abbiano figli, non possono varcare le mura del Rione nè passeggiare per le strade dedicate ai Mediocriti o agli Alta Stirpe. 
La vita sull'isola è monotona, ripetitiva, fatta di lavoro e pochi piaceri. 
Nirrim non ha mai visto il mare pur abitando su un'isola, nè un albero, non ha mai tuffato i piedi nell'erba fresca. 

La sua vita è fatta di doveri alla taverna della sua salvatrice, Raven, che l'ha portata via dall'orfanotrofio e dal suo piccolo segreto: ha una memoria perfetta, in grado di leggere e ricordare il più minuscolo dei dettagli, per questo falsifica passaporti per i Mezza Stirpe che anelano a cambiare vita. 

Nirrim vive una vita di certezze sfiancanti, la sua mente sembra asservita a una nebbia di confusione, ingenuità e incertezza. 
Quando per un caso fortuito incontra Sid, una giovane e bellissima straniera, i pensieri cominceranno a muoversi vorticosamente alla ricerca della verità. 


L'autrice ha creato una storia pervasa di desiderio, l'amore tra Sid e Nirrim è vorace, intenso, nato dalla curiosità, dall'assenza di tempo e dalla voglia di avere di più. 
Sid, in particolare, è un personaggio magnifico: divertente, acuta, passionale, sfacciata, impavida, questa ragazza è più dell'interesse amoroso della protagonista. 
Si fa largo con forza e diventa essenza trainante della vicenda. 

Nirrim è un personaggio più complesso, come già Kestrel prima di lei. 
E' dolce, buona, ma testarda, rifiuta di vedere la verità anche quando ce l'ha davanti agli occhi. 
E' generosa, ama la sua famiglia, il suo popolo, nonostante le privazioni, tutto ciò che la guida è l'altruismo. 
La sua narrazione a tratti scorre lenta, ma il suo punto di vista è ricco di descrizioni, sensazioni e consente al lettore di vivere con mano il suo cambiamento. 

L'autrice ha dato grande rilievo alla parte romantica a scapito del worldbuilding di cui abbiamo tracce interessanti per tutto il romanzo. 
Sono le ultime cinquanta pagine a fare la differenza, Nirrim scopre il segreto celato dietro le mura, la verità nascosta e celata dall'isola. 
Non era difficile da intuire nella sostanza, ma la forma è intrigante e inaspettata. 

Il finale è naturale visto l'evolversi della storia e lascia con più domande che risposte, incuriosendo il lettore. 
Bellissimi i riferimenti a The Winner's curse, anzi, devo ammettere che mi hanno proprio emozionato e non vedo l'ora che i due mondi si intreccino ancora di più. 

In definitiva, un fantasy imperfetto, ma scorrevole e affascinante. 

Verdetto: Dipendente (4.5 stelline)



Non dimenticate di passare dalle altre blogger e leggere le recensioni! 
Grazie Ambra per i banner, la Mondadori per la copia digitale del libro e Franci per aver superbamente organizzato il tutto! 
Baci, 
Cris






mercoledì 17 novembre 2021

Recensione: 'Strike in love' di Karen Morgan

Buongiorno lettori! Torna sul blog Karen Morgan, l'autrice di That Kiss, uno sport romance sul baseball, già recensito sul blog qualche mese fa.
Oggi parliamo di Nat e June, una coppia che già come personaggi secondari mi aveva fatto sognare.


NATHANIEL GRIFFIN
Sono il lanciatore della squadra di baseball del Richland college e amo vincere.
Avrei dovuto rinunciare a June Long, la ragazza che ho distrutto, ma non è mia abitudine lasciar perdere.
Mi odia, ma nessuno può sfuggirmi e non lo farà nemmeno lei.
June Long sarà mia.

JUNE LONG
Innamorarmi del lanciatore della squadra di baseball è stato un errore colossale.
Dimenticarmi di lui è la scelta più saggia che potessi prendere.
Il suo scopo è quello di incasinarmi la vita, ma non glielo permetterò.
Non sarò un’altra ragazza da aggiungere alla sua collezione.
Nathaniel Griffin non mi avrà mai.

Nat e June si sono trovati dal primo momento. In That kiss li avevamo visti interagire, conoscersi e creare un rapporto speciale. 
Quando June gli confessa il suo amore, Nat si spaventa e chiude la relazione, provocando un dolore infinito in una ragazza che gli ha sempre dato tutta se stessa senza riserva. 

Mesi dopo, June prova ad andare avanti frequentando un ragazzo gentile e preso da lei, Justin, anche lui un atleta del campus, ma a causa degli amici comuni lei e Nathaniel si incontrano più spesso di quanto vorrebbe. 

La sua vicinanza le provoca confusione, instabilità e paura. 
Ora che è amata da una persona davvero interessata a lei, avere Nathaniel nella sua vita e nei suoi pensieri diventa faticoso e doloroso. 

Dal canto suo, il ragazzo ha finalmente capito l'errore che ha commesso ed è deciso più che mai a riconquistare il suo amore. 
Prima come amici, poi come amanti, Nat e June sono irresistibili. 
Il modo in cui si prendono cura l'uno dell'altra, la tenerezza, oltre la passione, che li vince quando sono insieme sono il motivo per cui già li amavo. 

Il loro amore è palpabile e a nulla valgono i consigli degli amici quando a parlare sono la diffidenza e la rabbia. Prima di arrivare a vivere il loro amore con serenità, ammettendo la reciprocità dei sentimenti, soffrono tanto e il lettore con loro. Tuttavia l'attesa è ripagata perché le emozioni che trasmettono traspaiono dalla pagina.

Avrei preferito, da un punto di vista narrativo, che venissero approfondite le loro personalità come singoli, parlare meglio dei loro progetti futuri, ampliare l'occhio del lettore sui loro caratteri al di fuori dell'aspetto romantico. Avrei anche apprezzato qualche osservazione su Nat, su come abbia cambiato idea, quale sia stato l'evento scatenante visto che dopo aver lasciato June, per molto tempo si è consolato diversamente.

Vorrei fare anche qualche cenno sullo stile dell'autrice: Karen Morgan ha letto sicuramente tanti sport romance perchè le storie ricalcano il trope con pazienza e onestà, permettendo di inserire il romanzo a diritto nella categoria, ho riscontrato un bel miglioramento rispetto a That Kiss, ma trovo che per certi versi la scrittura sia ancora acerba, nei dialoghi in particolare. 

Ciononostante, ho divorato il romanzo in meno di due giorni e mi sono davvero affezionata a Nat e June, così che ho potuto godermi a pieno la storia a prescindere dai difetti che ho citato.
Per questo, se cercate un romance leggero, romantico e con qualche scena spicy niente male, questo fa sicuramente al caso vostro!

Verdetto: Stuzzicante (3.75 stelline)


Fatemi sapere cosa pensate degli sport romance, se vi incuriosisce Strike in love e se lo leggerete!
Un grazie speciale all'autrice per la fiducia e per la copia digitale in cambio di un'onesta recensione, baci
Cris








martedì 16 novembre 2021

Review Party: 'Le vite dei santi' di Leigh Bardugo

Buongiorno lettori, oggi esce questo bellissimo e prezioso volume di Leigh Bardugo, Le vite dei santi. L'ho adorato dalla prima all'ultima pagina e non vedevo l'ora di potervene parlare. 



Direttamente dalle mani di Alina Starkov alle vostre, la riproduzione fedele della Istorii Sankt'ya , per permettervi di entrare nelle pieghe più profonde dell'amatissimo universo creato da Leigh Bardugo. Una raccolta di storie che raccontano le vite, i martirii e i miracoli dei Santi a voi più familiari, come Sankta Lizabeta delle Rose o Sankt Ilya in Catene, ma anche le vicende più strane e meno conosciute, come quelle di Sankta Ursula, Sankta Maradi e del Santo senza Stelle. Una collezione resa ancora più preziosa dalle tavole a colori che accompagnano ogni storia.

Durante la lettura di Tenebre e Ossa torna ricorrente un volume dalla copertina rossa, con gli angoli consunti, ma la cui storia sarà essenziale per il percorso di Alina Starkov, Le vite dei Santi. 
L'Evocaluce, unica nel suo genere, è parte stessa di questi racconti di vita in cui esseri umani, ma più onestamente Grisha in incognito, hanno dato la vita per salvare o proteggere quella di altri. 

In questa raccolta, merito anche di disegni meravigliosi simili a quadri, ho avvertito tutta la sacralità che la Bardugo ha inteso trasmettere raccontando esempi di vite generose, altruiste, coraggiose e determinate.
Sono 28 Santi, ciascuno patrono di uno specifico elemento - che sia il mare o gli amori impossibili- per un totale di 150 pagine di arte e passione. 


In ogni racconto, infatti, il lettore avverte la dedizione, la fede, la magia sottintesa che guidano gli uomini da secoli. Ma anche il tormento, il dubbio, la paura che porta le persone a tirare fuori gli istinti peggiori, i più terribili.
L'autrice resta fedele a se stessa, usando un linguaggio pulito, semplice, senza fronzoli, ma carico di rispetto, solennità e amore. 
Ho percepito la gratitudine e l'amore che la Bardugo ha nei confronti del Grishaverse, dei personaggi a cui ha dato vita e che ormai sono parte di quella di milioni di persone. 

Il volume sembra poi rifinito in una maniera impeccabile, le illustrazioni sono vivide e colorate, le rifiniture in oro sono barocche ed eleganti. 
Non è un libro che aggiunge dettagli alla storia, ma se avete amato la trilogia, non potete farvelo scappare. E' una chicca da collezione che vi lascerà senza fiato per la sua bellezza e intensità. 

Verdetto: Assuefatto!

Spero che lo amiate anche voi, fatemi sapere se lo avete letto o avete intenzione di farlo.
Non dimenticate di passare dalle mie amiche per leggere anche le loro opinioni e un ringraziamento speciale alla casa editrice per la copia in anteprima e ad Ambra per aver organizzato l'evento.
Baci, 
Cris







lunedì 15 novembre 2021

Jolabokaflod alla sua quarta edizione!

Buongiorno lettori, vedo che qualcuno di voi già ha addobbato casa e altri, come me, sono già nel mood natalizio, pronti a scambiarsi doni. 

Per questo motivo, sono pronta a tentarvi con lo Jolabokaflod, la mia iniziativa natalizia arrivata al quarto anno consecutivo!

 Per chi non conoscesse lo Jolabokaflod, è il periodo dell'anno, di solito tra Settembre e Novembre, in cui le case editrici islandesi pubblicano migliaia di titoli che la popolazione acquista in occasione del Natale. 

Questi libri, scambiati la vigilia di Natale, sono gli accompagnatori silenziosi della notte che trascorre leggendo accanto al camino e mangiando cioccolata. 
Mi è sembrato tutto così magico, un momento di aggregazione e di gioia portato attraverso i romanzi. L’anno scorso è stato davvero bellissimo e visto che abbiamo un gran bisogno di essere felici, è venuto il momento di diventare un aiutante di Babbo Natale.

Come funziona?

Coloro che decideranno di partecipare saranno accoppiati a due a due, riceveranno una lista di tre titoli tra i quali scegliere il dono da fare al proprio partner di Natale. 
Se desiderate, potete accompagnare il pacchetto con un cioccolatino o un dolce a vostra scelta. (Per una questione di economia e praticità, devo ricordarvi di non scegliere libri superiori a 15 euro)

Regole per partecipare: 

- Commentate il post per confermare la vostra partecipazione
- Compilate il form qui sotto per indicare l'indirizzo di spedizione e i tre titoli desiderati come regali di Natale

(Siate precisi nell'indirizzo e non dimenticate nulla, altrimenti il vostro regalo potrebbe non arrivarvi!)

Sono facoltative, anzi, più che regole, sono attestazioni di stima e affetto: 
-Seguire il mio blog
-Seguire la pagina Instagram 
- Condividere su Instagram e Facebook l'evento così che possano partecipare tante altre persone!

Quanto tempo dura?

Le iscrizioni aprono oggi e terminano l'8 dicembre. Il 10 dicembre riceverete una mail con l'indirizzo e i titoli desiderati dal partecipanti. Potrete utilizzare come metodo di spedizione Amazon, Book Depository oppure semplice piego di libri ordinario. 

Non mi resta che augurarvi buona fortuna e buon divertimento! 
Cris

venerdì 5 novembre 2021

Review Party: 'Mexican Gothic' di Silvia Moreno - Garcia


Buona sera cari lettori, come state? Scusate l'orario tardivo della recensione, ma ieri sono tornata a tarda serata a casa e oggi ho lavorato senza interruzioni fino ad ora. Il mio unico momento libero per postare si è rivelato questo. Detto ciò, procediamo, oggi vi parlerò di un altro romanzo edito Oscar Vault nella collana Fabula. 


Noemí Taboada riceve una lettera angosciata e delirante da sua cugina Catalina, che ha appena sposato un inglese altolocato e che implora il suo aiuto. E così si reca a High Place, una tetra dimora sperduta tra le montagne del Messico. Noemí è poco credibile nei panni della crocerossina: è una raffinata debuttante, più adatta ai cocktail party che alle indagini poliziesche, ma è anche caparbia, sveglia, e non si lascia intimorire facilmente: certo non dal marito di Catalina, uno sconosciuto dall'aria sinistra ma intrigante; né dal padre, l'anziano patriarca che sembra particolarmente attratto da lei; e neppure dalla casa, che inizia a invadere i suoi sogni con visioni di sangue e sventure. Il suo unico alleato in questo luogo inospitale è il più giovane membro della famiglia. Ma forse anche lui ha un oscuro segreto da nascondere. Mentre dal passato riemergono storie di violenza e follia, Noemí viene lentamente risucchiata in un mondo terrificante e seducente al tempo stesso. Un mondo dal quale potrebbe essere impossibile fuggire.

Il titolo di questo libro è stato il principale motivo per cui è nata in me la curiosità di leggerlo. 
Già con Cemetery Boys e ancora prima con Oculta vi avevo mostrato quanto il mondo latino fosse per me una grande fonte di interesse e soprattutto di piacere. 
Le tradizioni diverse, l'atmosfera festosa, lo spagnolo buttato tra le righe: mi aspettavo tutto questo e ho scoperto invece che mi sbagliavo. 

Il libro, tralasciando il fatto che sia ambientato in Messico agli inizi degli anni '50, fa poco riferimento alla cultura dell'America del Sud, preferendo concentrare l'attenzione sull'aspetto thriller della vicenda. E' stata una scelta audace, che non incontra a pieno il mio favore, ma allo stesso tempo che si è rivelata fortunata per l'autrice. 

La Garcia, infatti, deve molto a Shirley Jackson e a tutta la tradizione del mondo gotico perchè se c'è un punto di forza in questo romanzo, è sicuramente High Place. La dimora grigia, stantia, arroccata su una collina ricorda molto Hill House. Le atmosfere sono inquietanti, tenebrose, ambigue. L'autrice punta a irretire il lettore e a trasportarlo in un lugubre stato, a metà tra finzione e realtà. 

Il palazzo è costruito à la mode anglaise, le abitudini sono inglesi e i discendenti della famiglia sono arroccati su posizioni colonialiste e retrograde.
In particolare, sir Howard , il padre di Virgil, marito della cugina Catalina, sin dalla sua prima apparizione, mi ha provocato una sensazione di viscidume che ho fatto fatica a scrollarmi di dosso. 

I personaggi della famiglia sono aridi, freddi, rigorosi e fastidiosi. Forse l'autrice mirava a creare un'atmosfera in cui l'eroina, Noemi, si sentisse isolata e in difficoltà. 
Ed effettivamente, gli sforzi fatti dalla civettuola ragazza non sembrano mostrare frutti se non nei confronti del piatto e inerme Francis. 
Il ragazzo è l'unico che mostri un po' di gentilezza e calore, ma non è abbastanza per renderlo un personaggio indimenticabile. 
Stesso discorso per Catalina che, per buona parte anestetizzata, dorme in gran parte del libro, senza prendere parte attivamente alla vicenda. Un vero peccato considerando che la ragazza ha vissuto solo disgrazie dall'inizio della sua vita. L'autrice avrebbe potuto darle più profondità, aspetto che il lettore avrebbe sicuramente apprezzato.

L'unico personaggio verosimile è la protagonista. Noemi è una bella ragazza, sa di esserlo, ha vissuto negli agi, quindi parla fluentemente l'inglese e suona con destrezza il pianoforte, ma è volubile e capricciosa, motivo per il quale cambia pretendenti allo scattare del terzo appuntamento e studia diverse materie a seconda dell'interesse momentaneo. 
Noemi, nelle prime pagine, mi aveva turbato. L'ho trovata frivola e inutile ai fini della storia, soprattutto perché la sua missione non era molto facile. Fortunatamente, durante il corso del racconto, è maturata e ha tirato fuori un lato di sé molto più vicina al mio modo di vedere un'eroina: la caparbietà e l'intraprendenza.

Rimanendo sulla narrazione, ho apprezzato lo stile della Garcia, il libro è godibile e piacevole e sebbene abbia riscontrato descrizioni fin troppo particolareggiate in taluni momenti del libro, mi sono appassionata, desiderando sapere cosa mi avrebbe riservato il capitolo successivo.
Nonostante le aspettative disilluse, Mexican Gothic è riuscito a ricreare con successo aspetti tipici del romanzo horror gotico quali i fantasmi, la magia, la resurrezione, aspetti che di certo non mancheranno di colpire i lettori appassionati del genere. 

In sostanza, un libro godibile, promosso con riserva. 

                                                         Verdetto: Stuzzicante! 

Non dimenticate di passare dalle mie colleghe e un grazie speciale ad Ambra per aver organizzato l'evento.
Bacioni, 
Cris


 






giovedì 4 novembre 2021

Recensione: 'Il cielo oltre la tempesta' di Sabaa Tahir


Buongiorno lettori, dal mio ritorno vedrete ancora tante recensioni, ma se c'è una a cui tengo particolarmente è questa. Esce oggi 'Il cielo oltre la tempesta' di Sabaa Tahir che conclude la serie An Ember in the Ashes, la mia storia del cuore. Grazie alla casa editrice Nord per avermi concesso di organizzare questo evento e per la copia in anteprima, per me ha significato più d ogni altra cosa. Un grazie ad Ambra per aver realizzato i banner, sono in debito con te amica mia.


«Laia di Serra, Averla Sanguinaria, Traghettatore di Anime. Il vostro destino è intrecciato. Se uno fallisce, tutti cadranno. Se uno muore, gli altri lo seguiranno. Tornate dove tutto è cominciato e troverete la verità. Combattete con tutte le vostre forze, fino alla fine, altrimenti perderete ogni cosa.» È questa la profezia annunciata al Traghettatore di Anime prima che, con un incantesimo, gli vengano restituiti i ricordi che aveva perduto. Adesso può ricordarsi di Helene, l'Averla Sanguinaria, sua migliore amica e compagna d'armi, che ha sacrificato tutto ciò in cui credeva per aiutarlo; di Laia di Serra, della loro fuga da un Impero tiranno che ha vietato l'arte e la cultura, e del profondo amore che li legava e cui ha dovuto rinunciare; e di se stesso, Elias, guerriero addestrato a difendere lo stesso regime cui si è ribellato. Ed è fondamentale che prenda di nuovo consapevolezza del proprio destino, perché la battaglia finale sta per cominciare: lo spietato Signore della Notte ha risvegliato un'orda di spettri che vaga per le terre mortali distruggendo chiunque provi a ostacolare la vendetta del loro padrone. Solo Elias può riunire i prescelti e compiere la profezia. E non importa se, per riuscirci, dovrà compiere un sacrificio estremo...

Mentre provo a scrivere questa recensione, avverto un peso sul petto mentre penso alle ultime avventure di Helene, Laia ed Elias. 
Questa storia, questi personaggi mi hanno accompagnato per cinque anni, mentre tra un libro e l'altro, conquistavano parte del mio cuore. 

Vorrei poter essere precisa e puntuale, ma credo che sarà scritto di getto e dettato dai sentimenti che ancora albergano dentro di me dopo averlo finito. 
Il cielo oltre la tempesta si conferma il finale che meritavamo, con una serie di colpi di scena e scene che il lettore non potrà dimenticare. 

Elias è ormai diventato il Traghettatore di anime, per accedere alla magia di Mauth deve allontanare da sé l'amore, la fratellanza, l'amicizia e votarsi agli spiriti dei defunti per mantenere l'equilibrio. 
Laia e l'Averla Sanguinaria sono diventate amiche perché in una guerra con creature sovrannaturali e antiche quanto il tempo, l'una non ce la farà senza l'altra. 
Caino regala loro un'ultima profezia, è solo insieme che potranno sconfiggere il Signore della Notte e proteggere il loro popolo, il loro paese.


La posta in gioco è altissima, le loro vite sono in pericolo e più di una volta, questi ragazzi si dimostrano impavidi, coraggiosi e corteggiano la morte. 
Keris e il suo potente alleato attaccano e distruggono tutto ciò che possono: i dotti, i tribali, il regno di Marinn. 
Non c'è pietà, non c'è grazia. Solo sangue, morte e sofferenza. 
E vendetta. 
La vendetta di Laia contro colui che gli ha portato via tutto. 
La vendetta di Helene contro colei che ha messo in ginocchio l'impero e lo ha consegnato ai barbari, colei che tenta disperatamente di uccidere suo nipote Zacharias. 
La vendetta di Keris contro il mondo che gli ha portato via tutto l'amore. 
La vendetta di Meherya che ha visto annientata la sua famiglia, imprigionato il suo popolo per mille anni e si è visto abbandonato da suo padre Mauth.

E' un romanzo cruento e doloroso, le emozioni di tutti i personaggi saltano dalle pagine e più di una volta ho avvertito la frustrazione di Laia, la solitudine di Helene, l'incertezza di Elias. 
La penna della Tahir è stata capace di creare qualcosa di unico, di legare insieme i fili di una storia intricata e tessuta nel sangue, piegata dall'avarizia e corrotta dal potere. 
In mezzo a tanto odio, c'è però anche spazio per la speranza, per la vita e per l'amore. 


L'amore di Elias e Laia brucia come mille soli, la loro unione è scritta nelle stelle, nelle profezie e nei loro cuori. E' luminoso, brillante, appassionato. 
Possono allontanarsi mille volte, ma si ricongiungeranno sempre perchè sono semplicemente destinati a essere. 
Anche se per loro ho un particolare debole, non è l'unico amore che pervade questo romanzo. 

C'è l'amore per il proprio popolo, per il proprio Paese, l'amore che spinge Helene oltre ogni limite, oltre ogni perdita, oltre ogni immaginazione. 
Vibra nel suo petto come una fiamma nella notte.
C'è l'amore per la famiglia, per quella perduta e quella ancora in vita, per quella di sangue e quella che si crea da un legame senza vincoli, solo per mutuo affetto. 
C'è l'amore delle madri: puro, infinito, eterno. 

E alla fine, sulla guerra, sull'odio, sulle tenebre vincono la clemenza, la speranza, la luce. 
Le ultime pagine sono un caleidoscopio di emozioni, non ho potuto trattenere le lacrime mentre tutto andava al suo posto. In un modo diverso, in un mondo nuovo. Unito.
 

Devo alla Tahir anni di meraviglia, stupore, gioia e amore. 
Devo a Elias, Laia, Helene la capacità di aver conquistato il mio cuore attraverso le parole. 
Devo a Mami Rila e a tutti i personaggi, caduti e non, un forte senso di appartenenza. 

Anche ora che non ci sono più pagine da leggere, tempo da attendere, anche ora che so che è tutto finito, sento tutto questo parte di me. 
Pochi libri riescono in questo gravoso compito, ma Il dominio del fuoco, l'intera quadrilogia, ci è riuscito. 

Non so se l'amore che provo sia giunto fino a voi, ma se è così, condividete questa recensione, parlate ai vostri amici di questa Storia e fatela conoscere ancora e ancora e ancora. 

La kehanni comincerà a raccontare.

Verdetto: Assuefatto!

La mia recensione è solo il primo di una serie di post e video sul romanzo, quindi salvate il calendario e non dimenticate di seguirci anche su instagram!











mercoledì 3 novembre 2021

Review Party: 'La confraternita delle streghe' di Kass Morgan e Danielle Paige


Buon pomeriggio lettori, dopo un piccolo viaggio a Vienna, sono tornata più carica che mai per raccontarvi degli ultimi libri che ho letto. Il primo di cui parlo è quello che ho terminato da pochissimo, La confraternita delle streghe di Kass Morgan e Danielle Paige. 


La Kappa Rho Ni non è una confraternita come le altre. Non solo perché è la più potente ed esclusiva del campus. E nemmeno perché tutte le ragazze che ne fanno parte sono bellissime, intelligenti e ambiziose. Il vero motivo è che quelle studentesse nascondono un segreto. Sono tutte streghe. Scarlett Winter ha sempre saputo di esserlo ed è determinata a diventare la presidentessa della confraternita, come prima di lei lo sono state sua madre e sua sorella. L’unico ostacolo è un terribile segreto del suo passato che, dovesse venire alla luce, le farebbe perdere tutto… Vivi Devereaux, invece, non ha idea di essere una strega e non ha mai vissuto abbastanza a lungo in un luogo per riuscire a costruire dei rapporti duraturi. Per lei, entrare a far parte della Kappa Rho Ni significherebbe trovare un posto in cui sentirsi finalmente a casa. E per questo è disposta a tutto pur di riuscirci. Peccato che sulla sua strada trovi Scarlett, assolutamente convinta che lei non sia per nulla adatta a diventare una “sorella”. Quando però un potere malvagio inizia a manifestarsi nel campus, le ragazze si trovano costrette a mettere da parte le loro rivalità per salvare le compagne. Qualcuno, infatti, ha scoperto il segreto della confraternita ed è intenzionato a fare il possibile per vedere bruciare tutte quelle streghe…

Ho un debole per i romanzi con protagoniste le streghe e questo lavoro a quattro mani non ha fatto eccezione.
Entriamo nel mondo della congrega attraverso due punti di vista. Scarlett è al quarto anno e punta a diventare presidentessa come sua madre e sua sorella prima di lei, è ambiziosa e determinata, è potente e saggia. 
Trapela il forte amore e attaccamento che ha per la confraternita, per le sue sorelle, per le persone che ama. E' attraverso di lei che scopriamo piccoli dettagli sulla magia delle streghe e sul loro modo di vivere e relazionarsi. 
Vivi è una matricola e vive il college come una grande opportunità per trovare uno scopo, una stabilità. 
Dopo un'infanzia trascorsa con una madre cartomante e vagabonda, Vivi non si aspettava che dentro di sè albergasse una magia così potente. 
E' dolce, a tratti ingenua, sincera fino alla nausea e onestamente entusiasta. 

Attorno ai pensieri delle due ragazze, riveste una certa importanza la Kappa.
La congrega, sotto il normale aspetto di una confraternita, accoglie le streghe che rispondono alla magia di aria, acqua, fuoco e terra, scegliendo una carta di Spade, Coppe, Bastoni e Denari.
Le regole della sorellanza sono poche ma essenziali: mai tradire una sorella, mai uscire da sole e mai usare la magia per costringere qualcuno contro la sua volontà. 
La magia è un'arma potente ed è necessario saperla controllare, incasellare, usare con parsimonia affinché il segreto non venga svelato. 

L'apprendistato delle ragazze si fa più tetro del solito quando strani accadimenti disturbano la quiete delle streghe. 
Il mistero non era particolarmente difficile da svelare, ma non è questo l'aspetto che mi ha tenuto incollata alle pagine. 

La scrittura dinamica, scorrevole, appassionante ha reso uno young adult che soffre di qualche clichè una storia moderna e intrigante. 
Mi è piaciuto il rapporto amica-nemica di Scarlett e Vivi, ho adorato il modo in cui si parla di magia e il modo in cui essa si integra nel mondo anche in modo semplice. 
Tra le due ho apprezzato particolarmente Scarlett: è testarda, impulsiva, a tratti perfida ma è perchè sente gravare su di sè una grande pressione. Mason, l'uomo che ama, sembra pronto a spezzarle il cuore. 
I cambiamenti sono difficili da gestire, ma nonostante tutto, più di una volta dimostra la sua fragilità, la sua preoccupazione, la sua tenerezza. 
E' un personaggio imperfetto, per questo verosimile. 

Vivi ha il merito di alleggerire il ritmo del romanzo con la sua sensibilità e cocciutaggine, ma è incasellata nello stereotipo della prescelta senza poteri. 
Nei primi due capitoli si avverte il suo disprezzo per la magia, naturalmente per la vita che l'ha portata a condurre, senza amici e senza amore, ma il suo cambiamento mi è parso troppo repentino e la sua diffidenza sparita in un batter d'occhio. 

Ho apprezzato anche i personaggi secondari, in particolare Mei e un'accolita come Vivi, Sonali. 

Nonostante qualche difetto, questo libro intrattiene e appassiona e in un periodo come questo, di streghe non se ne parla mai abbastanza. 

Verdetto: Dipendente 

Grazie alla casa editrice per la copia del romanzo e ad Ambra, sia per aver organizzato l'evento che per aver realizzato questi bellissimi banner. 
Vi invito a leggere le altre recensioni e a farmi sapere se la mia vi ha incuriosito. 
Baci, Cris









venerdì 29 ottobre 2021

Review Party: 'il paese del buio' di Melissa Albert

Buon fine settimana lettori, finalmente si avvicina il giorno della mia partenza e non potrei essere più felice. Tornare alla normalità per molto tempo mi è sembrata un'utopia e invece il mio cuore è pronto a spiccare il volo e conoscere le meraviglie del mondo. Di questo mondo o di molti altri parla Melissa Albert nel sequel di Oltre il bosco di Melissa Albert, Il paese del buio. 

Alice è scappata dal mondo fiabesco di Hazel Wood, e ora lei e gli altri abitanti dell'Oltremondo sono sbarcati a New York, alla ricerca di una vita non magica. Ma condurre un'esistenza totalmente umana non è semplice per Alice. Come si dice, si può togliere Alice dall'Oltremondo, più difficilmente l'Oltremondo da Alice. Ci riuscirà? Non sarà facile: dovrà scoprire chi è a uccidere e mutilare i profughi del suo vecchio mondo, affrontare un potentissimo vecchio nemico, fare i conti con la propria doppia (anzi, tripla) identità, e ultimo ma non ultimo salvare – con il sempre provvidenziale aiuto di Ellery Finch – il nostro povero mondo reale.

Dov'eravamo rimasti? Alice è una ex - Storia, dopo aver rotto l'incanto che la teneva prigioniera di Hazel Wood e della sua favola oscura, è tornata a New York per vivere con la sua amata mamma, Ella. 
Per un po' Alice può essersi detta felice, o quanto meno stabile, ma dopo il diploma, le sue certezze vacillano. Parti di Oltremondo sono ancora in lei, sepolte sotto montagne di bugie e allo stesso tempo, altri come lei, fuggiti dal proprio destino, sono irrequieti. 
Non sono abituati al mondo reale, all'assenza di magia che, per loro, è come essere senz'anima. 
Sono spaventati perché qualcuno ha lasciato dietro di sè una brutale scia di omicidi. Qualcuno che porta con sè un pezzo della vittima e lascia indietro corpi mutilati e ghiacciati. 

Alice non ha più ghiaccio dentro di sè, o almeno così crede, eppure l'assassino utilizza proprio lo stesso potere. Com'è possibile? Chi è?

La parte del mistero è sicuramente una delle parti del libro che mi ha incuriosito di più, conoscere nuove Storie, il legame con Oltremondo, ormai un regno abbattuto, è stato essenziale per la riuscita di questo libro. 

Tuttavia non basta. Se in Oltre il bosco reputavo Alice un narratore 'strano' ma coerente, in questo secondo volume le sue paturnie mi hanno infastidito più di una volta. 
Capisco il motivo che la spinge a comportarsi in questo modo, il sentirsi perennemente con i piedi in due mondi opposti, incapace di fare una scelta che le impedisca di voltarsi indietro, ma l'ho trovata fastidiosa il più delle volte. 

Per fortuna, come sempre, a salvare la situazione c'è Ellery Finch, meraviglioso e incauto ragazzo. La sua ossessione per la magia e per i racconti di Althea Proserpine lo hanno condotto in mille lidi e proprio attraverso piccoli aneliti di magia, Ellery riesce a ritrovare Alice. 
Il loro rapporto mi era piaciuto sin dal primo istante, l'affettuosità di lui verso la scontrosità di lei, la capacità di raccontare e raccontarsi contro la voglia di nascondersi.
Questi due personaggi dialogano in modo nuovo, ma il loro rapporto perpetua nel tempo con ardore. 

Omen nomen per il Paese del buio, un mondo complesso, variegato, tenebroso e pericoloso. 
Dopo il Bosco di Mezzo e l'Oltremondo, l'autrice non si risparmia e ci lascia aprire gli occhi sull'infinità dei mondi e sui loro risvolti grigi. 

Buoni i personaggi secondari: non ho provato simpatia nè per Sophie nè per Dafne, ma sono veramente ben delineate e il loro modo di essere si intreccia involontariamente in quello di Alice e dei suoi demoni interiori. 
Peccato per Ella, ladra coraggiosa e indomita, ridotta a madre apprensiva e lunatica. E' stato un passaggio in negativo che immagino fosse funzionale alla storia ma che per me poteva essere gestito meglio. 

Il libro è breve e si fa leggere con piacere, ma come già per il primo volume, la vera godibilità del romanzo si concretizza nella seconda parte, rendendo la storia sbilanciata. 
Insomma, Il paese del buio termina con pacatezza la storia oscura di Hazel Wood, ma pecca di diversi difetti, sui quali magari nel primo romanzo sono passata sopra. 
Sono molto curiosa però di leggere la raccolta di fiabe dall'Oltremondo, sperando che escano anche in Italia. 

                                                         Verdetto: Stuzzicante

Grazie alla casa editrice per la fiducia riposta in me e per la copia cartacea e grazie alle blogger che hanno partecipato. Mi raccomando, non dimenticate di passare anche da loro. 
Bacini,
Cris






giovedì 28 ottobre 2021

Review Party: 'Cemetery Boys' di Aiden Thomas

Buongiorno lettori, come state? A inizio settimana volevo lasciarvi una nuova recensione, ma sono stata trasportata dagli eventi della settimana. Proprio mentre questa recensione va online, sono già a lezione a tediarmi con l'argomento della settimana. 

Comunque, non vedevo l'ora di parlarvi di Cemetery Boys, il nuovo Oscar Fabula della settimana, una storia perfetta per Halloween che mi ha fatto emozionare e commuovere. 


Yadriel ha evocato uno spirito, e ora non riesce più a liberarsene. Yadriel è un ragazzo trans, ma i suoi - una famiglia latinx molto tradizionalista - faticano ad accettarlo. Lui, però, è determinato a dimostrare loro di essere un vero brujo e con l'aiuto di Maritza, sua cugina nonché migliore amica, decide di celebrare da solo il rituale dei quinces, ritrovare il fantasma di suo cugino Miguel, morto assassinato, e liberarlo nell'aldilà. Ma il fantasma che evoca è quello di Julian Diaz, il bello e dannato della scuola, il quale non ha alcuna intenzione di tornarsene buono buono tra i morti. Anzi è ben deciso a scoprire cosa gli è successo e a chiarire alcune questioni lasciate in sospeso. Yadriel, che d'altronde non ha molta scelta, accetta di aiutare Julian, in modo che entrambi possano ottenere ciò che desiderano. Solo che, più tempo passa con lui, meno ha voglia di lasciarlo andare...

Yadriel è parte di una comunità speciale. I brujx, di origine latina, sono uomini e donne devoti alla Santa Muerte, una divinità benevola che ha concesso loro dei poteri speciali. Sono in grado di vedere gli spiriti, gli uomini possono aiutarli nel trapasso con un pendaje, un pugnale in grado di canalizzare la magia. Le donne, invece, sono delle guaritrici e per questo, sono impegnate nella collettività come dottoresse o infermiere. 
Nonostante ami la sua famiglia, Yadriel non si sente accettato e compreso. 
E' un ragazzo, vuole diventare un brujo a tutti gli effetti attraverso la cerimonia dei quincos, come tutti quelli prima di lui, ma gli viene negato. 

Il cambiamento fa paura. Sua madre, Camila, era l'unica che lo faceva sentire davvero amato, ma è morta e Yadriel non vede l'ora di rivederla durante los Dias de Los Muertos. 
Prima, però, vuole dimostrare che tutti si sbagliano su di lui e decide di compiere il rito da solo. 

Quando evoca il fantasma di Julian, morto da pochi minuti, comincerà per lui e Maritza un'avventura unica. Dovranno scoprire chi ha ucciso Julian e perché e soprattutto, dovranno capire perchè anche Miguel, un brujo e loro cugino, sia sparito senza lasciare traccia.

La trama è prevedibile, non ci sono particolari colpi di scena e il responsabile è ben riconoscibile sin dalle prime pagine, ma la storia è più di un mistero da svelare. 
E' un romanzo di formazione, di accettazione, di inclusione.
La figura di Yadriel, un ragazzo trans e gay, è descritta con una naturalezza e soprattutto con una sensibilità che mi hanno toccato profondamente. 

Comprendere l'identità di genere delle persone è qualcosa di molto intimo e personale, l'autore stesso appartiene alla comunità queer e forse è questo che gli ha permesso di parlarne in maniera così genuina e semplice. 
Mi è piaciuto che siano stati descritti anche gli errori che vengono commessi in buona fede, la consapevolezza che bisogna guardare oltre e non fermarsi alle proprie convinzioni. 

Yadriel si comporta dalla prima all'ultima pagina con lealtà, amore per la famiglia e generosità e per questo non ho potuto fare a meno che lasciarlo con un senso di compiutezza e affetto. 
Anche Julian è un bellissimo personaggio: è irascibile ma buono, generoso, autentico, senza pregiudizi, un sole splendente, dinamico, impulsivo. Leggere di lui è come leggere di una trottola che continua a girare senza mai fermarsi. 

Miratza è un side character ben scritto. E' la cugina di Yadriel e la sua prima vera alleata, è divertente, sarcastica, senza peli sulla lingua. Vorrebbe diventare un fabbro come suo padre, forgiare pendaje per gli amici e i parenti, ma è ostacolata dalla comunità di brujx, come Yadriel. Le tradizioni sono antiche e le mentalità restie a cambiare. E' vegana e per questo rifiuta di usare i suoi poteri da guaritrice, assurgendo a pecora nera della famiglia. 

L'aspetto che mi ha incantato maggiormente è la descrizione della comunità latina, in particolar modo delle tradizioni e del Dia de Muertos. I colori vivaci, i fiori, le ofrendas per richiamare gli spiriti, tutto mi ha riempito il cuore di gioia. Per due giorni all'anno, è possibile rivedere i propri cari, abbracciarli, parlare con loro. Per due giorni l'anno, è come se la morte non fosse davvero la fine. E' una visione della morte rassicurante, calda come una coperta. 


Il finale mi ha profondamente commossa, mi sono trovata a piangere per Yadriel e quello che ha conquistato e ottenuto con il suo cuore e la sua forza di volontà, per la sua famiglia riunita e per il folle Julian. 

E' stata una lettura godibile, tenera, senza particolari sconvolgimenti ma ricca di messaggi positivi e inclusivi. A volte, per sapere cosa guardare, dobbiamo solo avere il coraggio di spingerci oltre l'orizzonte. 

                                                         Verdetto: Dipendente


Un grazie a Ambra per aver organizzato l'evento e per i bellissimi banner e alla casa editrice per la copia digitale. 
Spero che il romanzo vi piaccia, date uno sguardo anche alle altre recensioni. 

Un bacio, 
Cris